Associazioni cacciatori e pescatori: tra tutela del paesaggio e beneficenza

cacciatori e pescatoridi Arianna e Bianca

Smessi gli abiti del cacciatore e del pescatore, anche gli iscritti delle associazioni Cacciatori Moglia e Bondanello e Pesca Sportiva Mogliese daranno il loro contributo a Piacere Moglia. Sentiamo come dai loro Presidenti Beltrami e Calciolari.

Cosa pensate del festival?
Calciolari: Credo che sia un’iniziativa lodevole, perché la finalità è quella di far conoscere Moglia, la nostra realtà, i nostri problemi e la nostra voglia di riprendere. È un pensiero più che positivo, ne ho parlato anche con i membri dell’associazione e ne sono tutti consapevolmente entusiasti.
Beltrami: Sono pienamente d’accordo che si faccia qualche attività in paese, perché considerando il terremoto e come stanno andando le cose, penso che proporre un’iniziativa che favorisce l’incontrarsi e lo stare insieme sia positivo per la ripresa.

Di cosa si occuperanno le vostre associazioni all’interno del festival?All’inizio avevamo proposto di esporre qualcosa che riguardasse la caccia e la pesca, ma la cosa non è andata in porto e perciò ci siamo offerti come “forza lavoro”. Il sabato pomeriggio, dopo il mercato, allestiremo insieme Viale Coppini.

Quali sono le attività e iniziative che proponete durante l’anno con le vostre associazioni?
Calciolari: Io rappresento l’Associazione Pesca Sportiva Mogliese, un’associazione attiva da 30 anni. La pesca, che in passato garantiva il sostentamento delle famiglie, adesso è uno sport, vissuto come un hobby. Organizziamo e partecipiamo a gare di pesca, facendo un po’ di aggregazione. Attraverso l’organizzazione di questi eventi, promuoviamo il paese e contribuiamo alla sua vita economica, portando centinaia di persone. Questa estate, ad esempio, organizzeremo una gara importante: 150 persone sui laghi di Mantova. Il ricavato di questi eventi serve per autofinanziarci. L’anno scorso però abbiamo deciso di devolvere il ricavato di una gara al nostro comune. Anche associazioni di pesca dell’alto mantovano si sono autotassate per contribuire ad aiutare il paese, sono stati solidali.
Beltrami: Io invece rappresento l’Associazione Cacciatori Moglia e Bondanello. Per un cacciatore, un fucile dura tutta la vita, perché durante l’anno possono essere usate anche poche cartucce. La caccia è un’attività che ci impegna tutto l’anno: per poter cacciare due mesi, ci prepariamo negli altri dieci. Anche l’attività venatoria un tempo serviva per procurarsi il cibo, adesso ha dei fini completamente diversi. Serve, ad esempio, a garantire un equilibrio fra animali e territorio. Nella nostra zona, negli ultimi anni, abbiamo riscontrato il problema delle nutrie, dei piccioni, dei corvi: anche l’Amministrazione Provinciale si impegna economicamente, sostenendo corsi per la preparazione di operatori destinati a contenere i diversi danni causati da questi animali. Lavoriamo per controllare il territorio ed eliminare il bracconaggio il più possibile; la ricchezza di selvaggina della nostra zona infatti attira anche questi cacciatori. Ci impegniamo per questo anche di notte accompagnati dalla guardia provinciale o con altri enti (guardia forestale, ranger) e tanto volontariato. Vengono organizzate gare cinofile sia per i cani da ferma che per i cani da seguita, dedicate a chi ha questa passione. L’associazione si impegna in azioni di solidarietà, l’ultima delle quali a favore dell’ex ospedale Pietro Sissa. In occasione del terremoto siamo riusciti a far arrivare dal direttivo di Milano 5.000 euro per i nostri associati che hanno avuto la casa inagibile e, grazie alla sezione bresciana, a donare 13 computer alle scuole.

Calciolari: Sintetizzando la funzione principale di queste attività è il controllo del territorio e il rispetto della natura: i cacciatori monitorano le campagne, i pescatori i fiumi e i canali. A noi interessa che il territorio sia sano, altrimenti non ci sarebbero né pesce né selvaggina.

Piacere Moglia 26/27/28 maggio 2017!

Le quinta edizione!